PLR: giovane e sexy

PLR: giovane e sexy!

di Alessandro Spano 

Pierre Maudet, Christa Markwalder, Christian Wasserfallen e Raphaël Comte a livello federale. Nicola Pini, Michele Bertini, Giovanni Poloni e Alessandro Speziali a livello cantonale. Sono solo alcuni dei giovani che stanno facendo strada nel nostro Partito: chi brillando negli Esecutivi, chi nei Legislativi o chi riscrivendo la Magna Charta del Partito. Il PLR ha iniziato a rinnovarsi nelle persone e nelle idee dal 2011, scomodando dalla sedia chi da troppi anni non portava nulla di nuovo e si fossilizzava sui duelli personali. Il nuovo ha lanciato nuove soluzioni e nuovi approcci ai nuovi problemi. Risalto alle idee e non ai cognomi. 

La combinazione fra la trazione dei nuovi e la solidità di chi accumula anni di esperienza senza perdere l’entusiasmo genuino, serve anche a far tornare a vibrare i cuori degli affezionati che si erano allontanati dal Partito. Ai cuori liberali radicali è stato applicato un defibrillatore perché, a volte, per far continuare a battere una fiamma, servono nuovi stimoli.

In vista delle Comunali, la nostra fiaccola deve diventare un falò.  Siamo pronti a dar battaglia in ogni Comune e vogliamo dare fiducia ai giovani e ai nuovi, col sostegno e i consigli dei più saggi, perché domani, se non già oggi, saranno loro al timone del Paese. Il nostro è il partito giusto per i giovani che vogliono crescere e impegnarsi per il proprio territorio, dobbiamo dirlo, dobbiamo farlo. Siamo bravi a lavorare, quindi c-o-m-u-n-i-c-h-i-a-m-o-l-o. E allora vestiamo con una nuova casacca il liberalismo ticinese: è così che GLRT ha deciso di proporre a tutte le sezioni di intestare le liste per le prossime elezioni comunali con il nome «PLR + GLR». Un segnale forte e chiaro a ogni cittadina e cittadino per dimostrare che il partito è giovane e sexy!